Leva civica

  • Graduatoria finale bando LCR autofinanziata 2020/150 "IN BIBLIOTECA A GHEDI" Comune di Ghedi

    GRADUATORIA FINALE BANDO DI LEVA CIVICA 2020/141
    PROGETTO: IN BIBLIOTECA A GHEDI
    DENOMINAZIONE ASSOCIATO: COMUNE DI GHEDI

    POSIZIONE IN GRADUATORIA NOMINATIVO PUNTEGGIO ESITO
    1 BAGNI ALESSIA 86.5/100   IDONEO SELEZIONATO 
    2 ESPOSITO LORENZO 62.5/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    3 MILE ALESJA 61/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    4 ORSINI ALESSIA 60.5/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    5 BERTOCCHI GIULIA 60/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    6 DANCELLI EMANUELA NON IDONEO
    7 SANTORO RICCARDO NON IDONEO

     Data di inizio progetto: 01/02/2021

    N.B. A parità di punteggio viene preferito il candidato più giovane. Se non vedi il tuo nome in graduatoria chiama 035-254140

  • Graduatoria finale bando LCR autofinanziata 2020/151 "LA GIUSTIZIA AL SERVIZIO DEL CITTADINO – BERGAMO 2021/2022" Comune di Gorle

    GRADUATORIA FINALE BANDO DI LEVA CIVICA 2020/151
    PROGETTO: LA GIUSTIZIA AL SERVIZIO DEL CITTADINO – BERGAMO 2021/2022
    DENOMINAZIONE ASSOCIATO: COMUNE DI GORLE

    POSIZIONE IN GRADUATORIA NOMINATIVO PUNTEGGIO ESITO
    1 ZANCHI ALESSIA 82/100   IDONEO SELEZIONATO 
    2 SALA SOFIA 77.5/100 IDONEO SELEZIONATO
    3 SULIS GIULIA 74/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    4 BIVONA DAVIDE 73/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    5 ENFISSI FRANCESCA 72/100 IDONEO NON SELEZIONATO
    6 BOCCIERI FRANCESCA  71.5/100 IDONEO NON SELEZIONATO 
     7 SIGRALLI GIULIA  71/100  IDONEO NON SELEZIONATO 

     Data di inizio progetto: 01/02/2021

    N.B. A parità di punteggio viene preferito il candidato più giovane. Se non vedi il tuo nome in graduatoria chiama 035-254140

  • Graduatoria finale bando LCR autofinanziata 2020/152 "METTIAMOCI IN GIOCO" Scuola dell'Infanzia Venini

    GRADUATORIA FINALE BANDO DI LEVA CIVICA 2020/152
    PROGETTO: METTIAMOCI IN GIOCO
    DENOMINAZIONE ASSOCIATO: SCUOLA DELL'INFANZIA VENINI

    POSIZIONE IN GRADUATORIA NOMINATIVO PUNTEGGIO ESITO
    1 CANEPARI ISARA 93/100   IDONEO SELEZIONATO 

     Data di inizio progetto: 18/01/2021

    N.B. A parità di punteggio viene preferito il candidato più giovane. Se non vedi il tuo nome in graduatoria chiama 035-254140

  • Graduatorie finali bandi LCR Autofinanziata - Progetti 63 e 65 2017- Università degli Studi di Bergamo

    Associazione Mosaico e Università degli Studi di Bergamo hanno compilato le graduatorie finali per i seguenti progetti:

    Progetto 2017/63 : "PUZZLE - UNIVERSITA' OLTRE IL CONFINE 2017"

    Progetto 2017/65 : "HELP DESK - SUPPORTO 2.0" 

    Per leggere le graduatorie cliccate sui titoli dei progetti.

  • Graduatorie finali del bando “Voucher sperimentale leva civica regionale” con scadenza il 17 settembre 2012

    E' possibile scaricare qui le graduatorie finali del bando “Voucher sperimentale leva civica regionale” emesso dalla D,G. Giovani e Sport di Regione Lombardia (D.d.u.o. n. 4490 del 24/06/2012 pubblicato sul B.U.R.L. Del 30 maggio 2012, serie ordinaria n. 22);

    Come da art. 9 dell' avviso di selezione, si segnala che:
    - a parità di punteggio, è stato preferito il candidato più giovane;
    - non sono stati inseriti in graduatoria coloro che hanno ottenuto un punteggio complessivo inferiore ai 60/100: sarà cura di Associazione Mosaico dare loro comunicazione privata rispetto all'esito della selezione.

  • Grazie alla Leva Civica ho trovato la forza di riprendermi

    Voglio parlarvi un po' di come sta andando la mia quarantena, partendo dalla famosa canzone dei Beatles "Yesterday", dove nella prima strofa si ricorda il passato con un sentimento di malinconia perché il presente non è quello che ci si aspettava che fosse ma è arrivato e bisogna guardarlo in faccia. Voglio parlarvi un po' di come sta andando la mia quarantena, partendo dalla famosa canzone dei Beatles "Yesterday", dove nella prima strofa si ricorda il passato con un sentimento di malinconia perché il presente non è quello che ci si aspettava che fosse ma è arrivato e bisogna guardarlo in faccia. Vi dico questo perché sono stato sfortunato e per qualche causa sconosciuta la mia famiglia si è ammalata tutta a causa del virus. Fortunatamente la malattia ha fatto il suo corso, lungo e doloroso corso, però è passata. È stato difficile affrontare questa cosa perché molto più grande di noi e inaspettata; quando il virus è entrato in casa ha stravolto un po' i ritmi e la quotidianità; il dormire tutto il giorno, saltare i pasti perché non si aveva fame, le ore passate a fare niente perché alzarsi era troppo faticoso, mi hanno fatto capire che forse la routine è una delle cose che avrei dovuto apprezzare di più della vita pre-virus. Comunque, finita la malattia, è stato molto difficile tornare a questa stabilità. Una delle cose che mi ha aiutato di più è stata il fatto di poter tornare a svolgere il mio compito da Leva Civica, non solo perché riusciva a darmi dei ritmi con degli orari da rispettare, ma anche perché il rivedere le facce dei ragazzi che non vedevo da tanto mi ha dato la forza di riprendermi. Il mio auspicio per il futuro è di poter  tornare a svolgere il nostro lavoro e vivere la nostra vita con le lezioni che abbiamo imparato, che ci accompagnano e ci guidano verso un domani in cui nessuno sarà mai più costretto a passare quello che ho passato io e stiamo passando tutti.

     

    "Yesterday,

    All my troubles seemed so far away,

    Now it looks as though they're here to stay

    Oh I believe in yesterday"

     

    Davide, volontario di Leva Civica Regionale - Living Land in servizio presso Cooperativa Sineresi per il progetto "Leva Civica nell'ambito di Lecco" nell'ambito: attività di promozione e organizzazione di attività educative (LC)

     

  • I VANTAGGI DELLA LEVA CIVICA LOMBARDA VOLONTARIA CON ASSOCIAZIONE MOSAICO

    Ogni volontario in Leva civica lombarda volontaria ha diritto a:

    • un contributo mensile massimo di € 500,00. Tale importo è dovuto per i progetti che prevedano 100 ore mensili di presenza: per progetti con orari inferiori il contributo viene riparametrato proporzionalmente;
    • un'assicurazione per malattia, infortuni, morte e RCT, aperta dall'ente titolare del progetto;
    • un massimo di 20 giorni di permesso retribuito per progetti della durata di 1145 ore: per progetti di durata inferiore i giorni di permesso vengono riparametrati proporzionalmente;
    • un massimo di 15 giorni di malattia retribuita per progetti della durata di 1145 ore: per progetti durata inferiore i giorni di permesso vengono riparametrati proporzionalmente;
    • formazione d'aula, nei tempi, durata e modalità previste dal progetto;
    • con Associazione Mosaico l'anno di Leva civica può essere riconosciuto valido per lo svolgimento dei tirocini obbligatori, con conseguente assegnazione dei crediti formativi derivanti, presso le università convenzionate: Università degli Studi di Bergamo, Università dell'Insubria, Università Milano Bicocca, Università Statale di Milano e Università Cattolica nelle sedi di Milano, Brescia e Piacenza.
  • Il Coronavirus non ci ferma!

    Se la situazione determinata dal Coronavirus ha costretto alcuni Enti a sospendere la propria attività, Associazione Mosaico, così come la stragrande maggioranza dei suoi volontari, non si ferma. Lo staff è al lavoro tutti i giorni per risolvere i problemi creati dall’emergenza, rispondere alle richieste di informazioni, proseguire nell’attività consueta di progettazione e di programmazione degli impegni futuri. Potete quindi contattarci normalmente per telefono allo 035254140 (Sede di Bergamo), 0316790022 (sede di Erba) e 0399650026 (Sede di Monza), oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Anche il nostro infopoint in Via Palma il Vecchio 18/3 a Bergamo è aperto al pubblico negli orari consueti. Per prudenza, potrà accedervi una persona per volta. Un buon lavoro agli Enti e un “forza ragazzi!” a tutti i volontari impegnati nel Servizio Civile e nella Leva Civica!

    infopoint interno

  • Il Diritto alla Felicità

    Diritto Felicit

    Quante volte vi capita durante l'arco della giornata di cambiare repentinamente il vostro stato d'animo? Passare da un momento di spensieratezza a uno che invece vorresti spaccare tutto?

    A me personalmente è successo spesso e allora ho cercato di capire il perché. Sarà perché ci è stata tolta la nostra libertà? Sarà perché la nostra vita è stata messa in stand-by forzatamente? Sarà perché questo virus ci ha intrappolati in casa contro la nostra volontà togliendoci tutto e soprattutto la nostra felicità? Stiamo cercando tutti di restare a galla, di non sprofondare, leggendo, cucinando, mangiando, guardando film, ascoltando musica e sognando di tornare a come eravamo prima, proprio, appunto, alla tanto agognata felicità. 

    Ma che cos'è la felicità? "La vita è breve, buona, e c'è un diritto fondamentale: il diritto alla felicità. Che non si manifesta e non si deve confondere con una sorta di diritto naturale a diventare ricco o a soverchiare gli altri. Parliamo di un'altra felicità. Delle soddisfazioni piccole, che però valgono molto". Cosi scrive Luis Sepùlveda in questo libro in cui dialoga con Carlo Petrini, cercando di trovare una risposta alla domanda più difficile, la domanda che mi accompagna ogni giorno da sempre. È vero, prima della pandemia avevamo a disposizione qualsiasi cosa, da quelle materiali a quelle più astratte, ma eravamo davvero contenti? In questo periodo ho cercato di conoscermi meglio, di capire chi sono e cosa voglio, di pormi obiettivi diversi. Per quanto possa sembrare strano io ringrazio questo momento storico, quest'opportunità, questo tempo per noi. Ho capito pian piano che per stare bene, per essere serena, non ci vuole molto, e forse è privandosi di tutto che si è felici davvero.

     

    Susana Maria Pizzagalli, volontaria di Leva Civica Regionale - Living Land in servizio presso Cooperativa Sineresi (LC) "LEVA CIVICA NELL'AMBITO DI BELLANO" nell'ambito delle attività di organizzazione e promozione di interventi educativi

       

  • Il Ministro Riccardi da “via libera” al PDL Cecchetti sulla Leva Civica

    In questi giorni di calura estiva, il ministro Riccardi ha risposto ad un'interrogazione parlamentare vertente sul PdL n. 155, a prima firma Fabrizio Cecchetti, che intende istituire la leva civica regionale.
    Nella sua risposta, Riccardi afferma come "la leva civica territoriale si colloca, quanto al titolo costituzionale di legittimazione, nell'alveo del principio di solidarietà, di cui all'articolo 2 della Costituzione. Ed invero dall'attuazione della proposta di legge in questione deriverebbe «come ritorno immediato un innalzamento della qualità dei servizi forniti alla comunità», effetto del tutto coerente con le competenze costituzionali attribuite alle regioni e in linea con la sentenza n. 431 del 2005 della Corte costituzionale, che riconosce «... in capo a regioni e province autonome la possibilità di istituire e disciplinare un proprio servizio civile regionale o provinciale, che però deve ritenersi del tutto distinto da quello nazionale disciplinato con sue proprie norme, e che dovrebbe avere natura sostanzialmente diversa dal servizio civile nazionale, non essendo riconducibile al dovere di difesa»".
    Insomma, lo Stato non ha nulla da eccepire al fatto che Regione Lombardia si faccia un suo autonomo servizio civile... un'ottima notizia, visto che nel passato non ha perso occasione per mettere il bastone tra le ruote ad iniziative simili.
    Di seguito il testo della risposta all'interrogazione, presentata da Gianni Mancusol parlamentare PdL

  • IL NOTIZIARIO: Leva civica lombarda, nuova legge per il servizio civile retribuito per i giovani

    Articolo de Il notiziario "Leva civica lombarda, nuova legge per il servizio civile retribuito per i giovani"

  • Imparare ad affrontare le avversità e ad apprezzare quello che di bello e semplice la vita ci propone

    13autunno

     

    Claudia, una giovane volontaria di Leva Civica Regionale - Living Land, ha vissuto "in prima linea" le comprensibili incertezze e i comprensibili timori dell'emergenza Covid-19, raffrontati, nella sua testimonianza, con quelli espressi in una celebre lirica di Giuseppe Ungaretti.

    "Ci ho messo un po' a decidere cosa sentivo che mi rappresentasse maggiormente in questo periodo di quarantena. Alla fine ho scelto la poesia "Soldati" di Giuseppe Ungaretti per due motivazioni, collegate tra loro. La prima è perché credo che come concetto esprima perfettamente quello che ognuno di noi percepisce in questo periodo: la fragilità, l'insicurezza, la paura di non sapere cosa ci aspetta in futuro. Io sono stata fortunata perché ho potuto riprendere la Leva Civica, ma avevo tanti progetti per quest'anno che mi stanno scivolando via e la cosa mi preoccupa perché mi ero fissata degli obbiettivi che non so se o quando riuscirò a raggiungere. Quindi immagino sia la stessa cosa per molti di voi che, come me, speravano di realizzare i propri sogni e invece si ritrovano costretti a dover aspettare senza poter fare nulla.

    L'altra motivazione è che proprio in questo periodo di fermo forzato ho avuto modo di riprendere in mano i alcuni dei miei hobby, tra cui la scrittura e la lettura, e scegliere una poesia mi è sembrata la cosa più spontanea. In queste settimane ho avuto la possibilità di riflettere, passare del tempo con me stessa, prendermi del tempo per dedicarmi a quelle passioni che stavo lasciando indietro e riscoprire anche il rapporto con chi mi sta vicino. Proprio in questo modo mi sono accorta di quanto dessi per scontate alcune cose che potevo fare e che, per pigrizia, ho rimandato, pensando che avrei avuto tutto il tempo “domani”, quando domani è diventato oggi, in una sequenza di giorni sempre tutti uguali dove mi era stata tolta perfino la possibilità di fare le lunghe passeggiate con il mio cane. La quarantena mi ha fatto capire le cose che sono essenziali per farmi stare bene e spero che sia stato così anche per molta altra gente che come me si è trovata a dover fare i conti con se stessa. Vorrei sperare che tutti siano riusciti a raccogliere la motivazione necessaria per affrontare ciò che ci aspetta e per apprezzare quello che di bello e semplice la vita ci mette davanti". 

     

    Claudia Viscardi, volontia di Leva Civica Regionale - Living Land in servizio presso il Comune di Pescate per il progetto "LEVA CIVICA A SOSTEGNO DEI CITTADINI DI MOLTENO, PESCATE E MALGRATE" nell'ambito dell'attività amministrativa progettuale, gestionale e di contabilità per la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e ambientale

  • IN EVIDENZA: BANDI LEVA CIVICA AUTOFINANZIATA. CANDIDATI SUBITO!

    Associazione Mosaico ogni lunedì con cadenza quindicinale pubblica nella sezione BANDI APERTI/BANDI DI LEVA CIVICA REGIONALE tutti i progetti che si svolgeranno presso gli enti associati. I progetti sono rivolti ai giovani dai 18 ai 29 anni (non compiuti al momento della presentazione della domanda) e si attuano in tutto il territorio lombardo.

    Per consultare i progetti, i requisiti richiesti e le modalità di presentazione della domanda clicca il seguente link:

    https://www.mosaico.org/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=76&Itemid=640

    Attenzione: la ricezione delle domande di partecipazione consegnate a mano presso l'infopoint di Bergamo e la sede di Erba è sospesa fino al 01/03/2020.

     

    Vuoi ricevere le nostre mail per rimanere sempre aggiornato su tutte le iniziative e i bandi di associazione Mosaico?

    Compila questo modulo online.

     

     

  • In Lombardia una legge regionale sulla leva civica

    Eppur si muove!
    Sono ormai quattro anni che in Regione Lombardia si sta sperimentando la “leva civica”: nei fatti un vero e proprio servizio civile autogestito e, soprattutto, autofinanziato dagli enti di servizio civile, pubblici e del privato sociale.
    Un'esperienza lanciata nel 2008 da Associazione Mosaico, e ripresa due anni dopo da ANCI Lombardia, che ha coinvolto oltre 800 giovani, con un investimento complessivo di 4 milioni di euro.

    Ora dalla sperimentazione si passa … alla legislazione. Un folto gruppo di consiglieri regionali lombardi, del Gruppo Lega Nord, ha infatti presentato lo scorso 28 marzo, il pdl n. 155 recante “istituzione della leva civica volontaria regionale”(potete trovare il testo qui ).

    Il primo firmatario, Fabrizio Cecchetti dichiara come “'l'obiettivo è quello di promuovere e sostenere il servizio civile quale esperienza di cittadinanza attiva per la formazione di donne e uomini più consapevoli, partecipi, responsabili, solidali e nonviolenti e quale investimento della comunità lombarda sulle giovani generazioni”.
    Il testo della proposta di legge è stato elaborato chiedendo pareri, consigli e critiche a varie realtà della società civile lombarda, quali ANCI Lombardia, Associazione Mosaico, ACLI Lombardia, CISL Lombardia e Federsolidarietà.

    Anche il quotidiano “La Padania” del 21 aprile ha dedicato due pagine al progetto di legge, che potete leggere qui.

    Segnaliamo ai lettori alcune particolarità della proposta di legge, ovvero:
    a) la possibilità che la futura leva civica regionale possa essere svolta da cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno e che abbiano fatto richiesta di cittadinanza italiana (articolo 6, comma 1, lettera c);
    b) il totale autofinanziamento della leva civica da parte degli enti che la promuovono, con possibilità di ottenere dalla Regione parziale rimborso delle spese sostenute, a progetto concluso e dietro esibizioni delle “pezze giustificative”  (articolo 11).

    Tra i firmatari della proposta di legge si possono rintracciare i nomi di ben due assessori  lombardi (Belotti e Ruffinelli).... ciò fa be sperare in un rapido iter ed approvazione della proposta di legge da parte del consiglio regionale.

  • Incontri di orientamento su Leva Civica Cofinanziata e Servizio Civile Ambientale e Digitale

    INCONTRI DI ORIENTAMENTO

    Mercoledì 7 settembre 2022

    Mercoledì 7 settembre si terranno due incontri online, uno alle 11:00 ed uno alle 15:00, per tutti i volontari o aspiranti volontari che vogliano approfondire requisiti e opportunità offerte da Associazione Mosaico (Leva Civica Cofinanziata, Autofinanziata, Servizio Civile Digitale e Ambientale). Potrete ascoltare e soprattutto fare domande per fugare ogni dubbio rispetto ai bandi aperti, così da poter inviare la vostra candidatura senza più preoccupazioni!

    Gli incontri si terranno sulla piattaforma ZOOM, per ricevere il link di accesso tramite email occorre compilare il seguente Google Form.

    Vi aspettiamo online!

    Incontri Orientamento FB

  • INFORMATORE OROBICO "Istituti educativi: sono sette i progetti vincitori del bando Orientamento, Formazione e Lavoro a Bergamo"

    Associazione Mosaico con il progetto "FOOL" è tra i progetti vincitori del Bando "Orientamento Formazione Lavoro" della Fondazione Istituti Educativi di Bergamo.

    Articolo di Informatore Orobico: "Istituti educativi: sono sette i progetti vincitori del bando Orientamento, Formazione e Lavoro a Bergamo"

  • Introduzione

    Associazione Mosaico nasce in favore dei propri associati esclusivamente per la gestione della risorsa del Servizio Civile e sviluppa inoltre le proprie competenze per la gestione della Leva Civica Lombarda Volontaria..

    Come usufruire dei servizi forniti da Associazione Mosaico?

    Per usufruire dei servizi forniti da Associazione Mosaico bisogna aderire in qualità di “associato” alla stessa. L’adesione è subordinata all’approvazione dello statuto, degli scopi istituzionali e dei sistemi di rappresentanza all’interno degli organi statutari. Il rappresentante con diritto di voto alle previste assemblee dovrà essere persona informata dei fatti e di conseguenza un responsabile diretto o responsabilizzato della gestione di progetti impieganti operatori volontari del Servizio Civile Universale o di Leva Civica Lombarda Volontaria all’interno delle singole sedi di attuazione. Per consentire l’organizzazione del lavoro in modo snello ed efficace è prevista l’elezione di un consiglio direttivo con un numero ristretto di delegati che si riunisce con cadenza mensile. È infine prevista una quota annuale di adesione fissata in euro 200,00.

    PER IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

    Associazione Mosaico è ente accreditato nell'albo degli enti di Servizio Civile Universale (codice SU00124). Questo significa che, avendo dimostrato all’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile di possedere risorse e competenze espressamente dedicate alla gestione ed allo sviluppo del Servizio Civile Universale, possiamo presentare progetti di Servizio Civile Universale e assistere i nostri associati in tutte le varie fasi che compongono l’elaborazione e la gestione di un progetto di Servizio Civile Universale. Associazione Mosaico, in quanto ente accreditato, è dotata di sistemi propri di progettazione, comunicazione, selezione e ingaggio, formazione, tutoraggio, monitoraggio dei progetti, gestione amministrativa, nonché di personale specializzato le cui capacità sono state dimostrate in sede di accreditamento. Associazione Mosaico si impegna ad assistere in modo individuale gli associati.

    Come divenire sede di attuazione di progetto?

    L’associato può decidere di aprire presso le proprie strutture una o più sedi di attuazione di progetto di Servizio Civile Universale. Quando un associato desidera divenire sede di attuazione di progetto, non deve fare altro che una telefonata! Gli operatori di Associazione Mosaico forniranno la modulistica da compilare, controlleranno la correttezza della stessa, la inoltreranno nei tempi dovuti ad UNSC. Tutte le pratiche per l’apertura di sedi di attuazione di progetto di Servizio Civile Universale sono effettuate in modo gratuito per gli associati a Mosaico.

    Oltre ad individuare la sede per lo svolgimento del servizio, è necessario indicare i nominativi delle persone che ricopriranno il ruolo di “OLP” (Operatori Locali di Progetto), ovvero coloro che opereranno presso le strutture dell’associato in qualità di responsabili dei volontari in servizio.

    Alle persone individuate può essere richiesto di frequentare un corso di formazione specifico della durata di una giornata per sapere gestire al meglio i/le volontari/e.

    Anche l’attività formativa rivolta a tale scopo ai dipendenti e/o volontari degli associati di Associazione Mosaico è effettuata in modo completamente gratuito.

    SERVIZI DI PROGETTAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

    Di seguito si fornisce una descrizione sintetica dei sistemi propri di Associazione Mosaico riconosciuti da UNSC e dei servizi offerti per l’attivazione e l’attuazione di percorsi di Servizio Civile Universale.

    Sistema di PROGETTAZIONE

    I progettisti di Associazione Mosaico operano insieme agli associati per costruire progetti che siano il più possibile aderenti al territorio ed alle esigenze dei soci. Il progetto di Servizio Civile è il documento essenziale per attivare posizioni di Servizio Civile Universale a scelta volontaria, ed è steso sotto la responsabilità dei progettisti: ciò detto, non si deve sottovalutare il fatto che esso viene valutato. Tanto più esso è coerente con le esigenze del territorio e la descrizione delle sue esigenze, tanto maggiori saranno le probabilità che esso venga approvato e messo a bando.

    Sistema di COMUNICAZIONE, INGAGGIO E SELEZIONE

    Grazie all’esperienza accumulata in numerosi bandi, Associazione Mosaico ha organizzato un sistema di comunicazione per l’ingaggio di aspiranti volontari, nonché strumenti di selezione efficienti ed efficaci, effettuati con l’ausilio di professionisti qualificati ed utilizzando le più moderne metodologie della Human Research. Anche in questo sistema la fase di accompagnamento dei volontari nella scelta del progetto a loro più confacente vede una stretta interazione tra struttura centrale di Mosaico e singolo associato. 

    Sistema di FORMAZIONE

    L’associazione si fa carico della formazione generale degli operatori volontari del SCU, già nelle prime settimane di servizio, relativamente a diritti, doveri e codici comportamentali previsti per lo svolgimento del servizio. La formazione generale prevede un percorso di 41 ore, effettuato dai formatori riconosciuti di Associazione Mosaico.

    Vi è poi una formazione specifica alle attività previste dal progetto di Servizio Civile Universale, effettuata dall’operatore locale di progetto (OLP) e da Mosaico tramite piattaforma e-learning, per una durata di 71 ore.

    Da non dimenticare infine che Associazione Mosaico attua momenti di formazione ed aggiornamento rivolti agli operatori locali di progetto, al fine di tenerli costantemente aggiornati a livello professionale per meglio rispondere alle sfide quotidiane del Servizio Civile Universale, che vengono erogati senza alcun aggravio di costo per gli associati.

    Sistema di TUTORAGGIO

    L’attenzione alla risorsa umana, al suo grado di soddisfazione e di condivisione delle attività è una costante dell’operare di Associazione Mosaico. Per tali ragioni è attivo un sistema di tutoraggio rivolto ai volontari in Servizio Civile, con quattro incontri di tre ore distribuiti durante l’anno di servizio, cui si aggiungono orari di ricevimento per affrontare particolare casi personali. La parola d’ordine è insomma gestire e governare la conflittualità, abbassando ai minimi livelli fenomeni deleteri quali l’abbandono del servizio prima della scadenza naturale del progetto. Se i risultati possono raccontare la realtà, basta segnalare che le percentuali di abbandono di progetti di Mosaico sono inferiori al 5%.

    Sistema di MONITORAGGIO DEI PROGETTI

    Associazione Mosaico ha messo in atto un sistema volto a monitorare i progetti di Servizio Civile Universale, affinché si possa verificare e dimostrare che gli stessi raggiungono gli obiettivi dichiarati. Tale sistema, effettuato con rilevazioni statistiche ed elaborazioni elettroniche, vede la collaborazione di specialisti del settore e docenti universitari.

    Sistema di GESTIONE AMMINISTRATIVA

    Uno degli scopi di Associazione Mosaico è quello di liberare energie spese per adempimenti di carattere amministrativo così da permettere agli associati di concentrare le loro energie sulla gestione e sul controllo del servizio a miglioramento della qualità complessiva. A questo scopo le sedi di attuazione di progetto hanno a loro carico unicamente la comunicazione a Mosaico di eventuali situazioni che non siano standard: concessioni di permessi, assenze per malattia o situazioni anomale in genere che non siano appunto la regolare presenza in servizio. L’associazione provvede a registrare i dati così raccolti nelle cartelle dei volontari, conservate presso l’ufficio di Aassociazione Mosaico, trasmette alle sedi eventuale modulistica compilata da consegnare ai volontari e chiude la pratica a fine servizio.

    Tutte le comunicazioni da e per UNSC sono tenute direttamente da associazione Mosaico, fermo restando che alle sedi di servizio perverranno comunque in copia molte delle trasmissioni.

    Quali sono i costi per usufruire dei sistemi sopra descritti?

    Per il mantenimento delle attività dell’associazione il consiglio delibera annualmente quota annuale di adesione, quote e modalità di partecipazione alle spese per i servizi resi agli associati.

    Nel dettaglio:

    1. la quota di adesione annua è fissata in € 200,00;
    2. la quota per i servizi di gestione di posizioni di Servizio Civile Universale è suddivisa in tre rate. Precisamente:
    • € 200,00 prima rata che viene versata dall’associato per ogni posizione di Servizio Civile Universale che sia inserita in un progetto presentato;
    • € 750,00 seconda rata che viene versata al finanziamento del progetto e quindi della sua messa a bando. Nessuna quota sarà dovuta per le posizioni di Servizio Civile Universale relative a progetti non approvati;
    • € 600,00 terza rata che viene versata dall’associato nel momento in cui viene individuato il candidato da avviare al Servizio Civile Universale su ogni singola posizione, e pertanto sarà trasmessa la relativa graduatoria agli uffici romani. Nessuna quota sarà dovuta per le posizioni di Servizio Civile Universale per cui non vengano utilmente selezionate volontarie/i.

    Il versamento delle quote sopraindicate dà diritto all’associato di usufruire dei sistemi sopra descritti, nonché di attività specifiche quali la formazione degli operatori locali di progetto.

    Si specifica infine che:

    • nel caso di posizioni abbandonate da volontari nel periodo intercorrente tra l’approvazione delle graduatorie e la data di entrata in servizio, trascorso inutilmente il periodo entro il quale si possono individuare eventuali sostituti, verrà riconosciuto all’associato un credito pari al 60% della terza rata per la gestione di posizioni di Servizio Civile Universale. Tale credito verrà utilizzato a “scalare” per la copertura delle future quote associative e/o delle future quote per la gestione di posizioni di Servizio Civile Universale.
    • nel caso di posizioni abbandonate da volontari nei primi 30 giorni di servizio, trascorso inutilmente il periodo entro il quale si possono individuare eventuali sostituti, verrà riconosciuto all’associato un credito pari al 40% della terza rata per la gestione di posizioni di Servizio Civile Universale. Tale credito verrà utilizzato a “scalare” per la copertura delle future quote associative e/o delle future quote per la gestione di posizioni di Servizio Civile Universale;
    • l’adesione e le quote per usufruire dei servizi sono esenti IVA in quanto decommercializzate e rese in via esclusiva agli associati;
    • a norma di statuto, il socio dimissionario non ha diritto al rimborso dei contributi né all’abbuono di quelli dovuti per l’esercizio in corso.
    • L’assegno di Servizio Civile corrisposto alle volontarie/i è versato direttamente al volontario dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale su conto corrente bancario intestato, senza necessità di alcun anticipo da parte dell’associato.

     

    PER LA LEVA CIVICA LOMBARDA VOLONTARIA

    Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato nel dicembre 2014 la Legge Regionale recante “istituzione della Leva Civica Volontaria Regionale” (L.R. 16 DICEMBRE 2014 – N. 33, pubblicata sul B.U.R.L. N. 51 del 19 dicembre 2014).

    Che cosa è la Leva Civica Volontaria Lombarda

    E’ un servizio civile regionale, con finalità proprie e non assi­milabile al servizio civile universale di cui al decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 (Istituzione e disciplina del servizio civile univer­sale, a norma dell’articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106).

    La Leva civica lombarda volontaria favorisce:

    1. a) i valori della solidarietà sociale e il dovere di concorrere al progresso materiale e spirituale della società;
    2. b) le azioni formative e innovative per la crescita umana e professionale dei giovani, attraverso la partecipazione at­tiva alla vita delle comunità locali;
    3. c) la collaborazione fra soggetti pubblici e privati e lo svilup­po dei servizi rivolti alla comunità.

    Le sue finalità sono pertanto simili, se non identiche, a quelle del servizio civile universale: ciò detto la Leva Civica Volontaria Lombarda si distingue dall'esperienza statale per una maggiore elasticità amministrativa e gestionale, nonché per le modalità di finanziamento dell'esperienza.

    La Leva Civica Volontaria Lombarda non costituisce rapporto di lavoro, né tirocinio formativo e di orientamento.

    Chi può avviare progetti di leva civica

    I progetti di leva civica volontaria regionale possono essere presentati e gestiti esclusivamente da enti non a fini di lucro, pubblici e del privato sociale, iscritti all’Albo degli enti di Leva Civica Volontaria Lombarda

    Gli enti possono aderire a tale Albo sia autonomamente, sia entrando a far parte di realtà già iscritte, quali ad esempio Associazione Mosaico.

    Quali categorie di cittadini possono svolgere la Leva Civica Volontaria Lombarda

     

    La leva civica volontaria regionale può essere svolta dai giovani:

    • con cittadinanza italiana, di altri paesi aderenti alla Unione Europea ovvero con regolare permesso di soggiorno in corso
    • di età compresa tra i 18 ed i 29 anni non compiuti,
    • residenti sul territorio della Regione Lombardia,

    Ogni cittadino, in possesso dei requisiti sopra indicati, può svolgere nel corso della sua vita un massimo di 12 mesi di Leva Civica Volontaria Lombarda.

    L’aver svolto Servizio Civile Universale non è causa ostativa allo svolgimento della Leva Civica Volontaria Lombarda, e viceversa.                                                                           

    Ambiti di intervento della Leva Civica Volontaria Lombarda

    La Leva Civica Volontaria Lombarda si realizza, nell’ambito delle competenze regionali, nei seguenti settori:

    1. a) servizi sociali e sociosanitari;
    2. b) protezione civile;
    3. c) patrimonio ambientale e riqualificazione urbana;
    4. d) patrimonio storico, artistico e culturale;
    5. e) educazione e promozione culturale, paesaggistica, am­bientale, del turismo sostenibile e sociale;
    6. f) promozione e organizzazione di attività sportive;
    7. g) agricoltura in zona di montagna, agricoltura sociale e biodiversità.

    La Regione può individuare ulteriori aree di intervento per emergenze o per necessità connesse alla realizzazione di speci­fiche politiche regionali.

    Sono previste come attività ammissibili quelle amministrative, progettuali, gestionali e di contabilità connesse ai precedenti ambiti.

    Progetti di Leva Civica Volontaria Lombarda

    Le realtà iscritte all'Albo deli enti di Leva Civica Volontaria Lombarda possono:

    • presentare in qualsiasi momento a Regione Lombardia progetti di Leva Civica Volontaria Lombarda autofinanziati dall'ente presentatore. In tale caso Regione Lombardia entro 30 giorni dalla presentazione del progetto da “nulla osta” all'avvio delle fasi di ingaggio, con evidenza pubblica, e selezione dei candidati;
    • partecipare ad appositi bandi di Leva Civica Volontaria Lombarda emessi da una singola Direzione Regionale, in cui sia previsto un cofinanziamento regionale.

    Caratteristiche dei progetti di leva civica volontaria lombarda

    Sono le seguenti:

    • durata mensile: da un minimo di 6 a un massimo di 12 mesi;
    • impegno orario del volontario:da un minimo di 12 ad un massimo di 25 ore settimanali;
    • monte ore annuo:non può essere superiore alle 1145 ore
    • numero di volontari in servizio:non devono superare il 20% dei dipendenti dell'ente ospitante;

    Infine in ogni progetto deve essere indicato il nominativo del responsabile delle attività dei volontari, che deve essere in possesso di adeguata esperienza ovvero di titolo di studio per coordinare i volontari in Leva Civica Volontaria Lombarda.

    Benefici per i volontari in Leva Civica Volontaria Lombarda

    Sono i seguenti:

      • un contributo mensile massimo di € 500. Tale importo è dovuto per i progetti che prevedano un monte ore annuo di 1145 ore, con una media mensile indicativa di 100 ore di presenza. Per progetti con orari inferiori il contributo viene riparametrato proporzionalmente;
      • assicurazione per malattia, infortuni, morte e RCT, aperta dall'ente titolare del progetto;
      • un massimo di 20 giorni di permesso retribuito per progetti della durata di 1145 ore: per progetti di durata inferiore i giorni di permesso vengono riparametrati proporzionalmente;
      • un massimo di 15 giorni di malattia retribuita per progetti della durata di 1145 ore: per progetti durata inferiore i giorni di permesso vengono riparametrati proporzionalmente;
      • formazione d'aula, nei tempi, durata e modalità previste dal progetto

     

    Procedura per gli Enti Associati a Mosaico: attivazione della Leva Civica Lombarda Volontaria autofinanziata

  • Introduzione alla Protezione Civile, consegnati gli Attestati regionali ai volontari di Leva Civica

    Le sorprese, quelle belle, per chi sceglie la Leva Civica: un diploma riconosciuto ufficialmente, utile per sempre a se stessi e alla propria comunità.

    Oggi, a Bergamo, sono stati consegnati ai volontari impegnati nel Progetto di Protezione Civile organizzato dall’Associazione Mosaico gli Attestati regionali, che danno la possibilità di proseguire il percorso e diventare Volontario operativo di protezione Civile.

    Durante il regolare corso di formazione, infatti, sono state inserite 4 ore - tenute dal Funzionario Responsabile del Servizio Protezione civile della Provincia di Bergamo e da 3 volontari di Protezione Civile - che costituiscono il “Corso di introduzione alla P.C.”, livello A0, riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile della Regione Lombardia.
    I volontari hanno svolto anche esercitazioni pratiche, tra cui il montaggio di una tenda ed esercitazione di comunicazioni radio in emergenza, e ascoltato il racconto di alcune esperienze vissute di attività di Protezione Civile. Tra queste, le attività di soccorso portato presso le tendopoli a L’Aquila dopo il grave sisma del 2009.
     
    xFBridim
     
    PCxsitoRIDIM
    Dalla teoria

    61274319 1383005281840044 4501529315694870528 n

    61564628 1383005398506699 1707115759173369856 n

    Alla pratica

     

     

     

  • Inventare il futuro dei territori con i giovani e la Leva Civica: lunedì 6 maggio, convegno a Palazzo Lombardia verso la nuova legge

    Giovani, volontariato e futuro dei territori. A cinque anni anni dall’istituzione della Leva civica regionale, ed alla luce della nuova normativa nazionale sul servizio civile che impone alla Regione una rivisitazione completa della normativa attuale, si è avviato in questi giorni l’iter per la nuova legge che offrirà ancora più prospettive di impegno civile e professionale alle nuove generazioni. Se ne parlerà lunedì 6 maggio a Milano, Palazzo Lombardia presso l’auditorium Testori (MM2 Gioia), a partire dalle ore 9,30, nel corso di un convegno organizzato e promosso da Associazione Mosaico, Ente gestore del Servizio Civile e della Leva Civica Regionale.

    L’iniziativa, organizzata con il patrocinio di Regione Lombardia e la partecipazione di rappresentanti istituzionali e del Terzo settore, si propone di fare il punto intorno alla riforma di uno strumento che, dal 2014 ad oggi, ha offerto a migliaia di ragazze e ragazzi la possibilità di impegnarsi volontariamente a favore del territorio, investendo anche sul proprio futuro professionale.

    Dopo i saluti del presidente di Regione Lombardia, interverranno l’Assessore alla Famiglia, il presidente di Associazione Mosaico Claudio Di Blasi, il consigliere regionale Andrea Monti, firmatario della proposta di legge e la fundraiser Elena Zanella. È stato invitato ad intervenire il Sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio, Vincenzo Spadafora.

    Dopo un primo giro di interventi, nella seconda parte dell’incontro sarà data la possibilità al pubblico di prendere parte alla discussione.

    L’Associazione Mosaico, dal momento della sua costituzione come primo ente gestore di servizio civile in Italia, si è sempre impegnata a offrire alti standard di professionalità, indispensabili per garantire una piena valorizzazione delle esperienze di volontariato al servizio del territorio, utili anche alla formazione civile e professionale delle nuove generazioni.

    Per qualsiasi informazione, Associazione Mosaico è a disposizione a seguenti recapiti:

    tel. 347 6985824 – 035 254140

    e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     

  • Istituzione della Leva Civica Lombarda Volontaria

    Nelle scorse settimane è stato presentato in Regione Lombardia il progetto di legge riguardante la Leva Civica Regionale Lombarda in cui, tra le altre novità, è prevista una riduzione dell'orario di servizio a 25 ore e un aumento dell'assegno mensile a 500 €.

    La bozza di legge vuole riformare uno strumento che, dal 2014 ad oggi, ha offerto a migliaia di ragazze e ragazzi in Lombardia la possibilità di impegnarsi volontariamente a favore del territorio, investendo anche sul proprio futuro professionale.
    Leggi tutto qui

Info Point di Bergamo

Via Palma il Vecchio 18/c
24128 Bergamo BG

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 035 254 140
Fax 035 432 92 24

orari
Lunedì–venerdì
9:00–13:00
14:00–18:00

Sede di Bergamo

Via E. Scuri, 1/c
24128 Bergamo BG

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 035 254 140
Fax 035 432 92 24

orari
Lunedì–venerdì
9:30–12:30
14:30–17:30

Sede di Monza

Via Cortelonga 12
20900 Monza MB

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. 039 9650 026

orari
Lunedì–venerdì
9:30 –12:30
14:30–17:30