RASSEGNA STAMPA

BERGAMO NEWS/ Servizio civile, a Bergamo 345 posizioni e due novità: tutor e competenze certificate

Copertina Bergamo News

di Lorenzo Catania

Bergamo. Tra i suoi obiettivi c’è anche quello di avvicinare i giovani al mondo del lavoro e di favorirne l’occupazione. E con le novità del 2022 è lecito pensare che i risultati saranno ancora migliori che in passato.

Si è chiusa a fine maggio la fase di presentazione dei programmi di Servizio Civile Universale, l’esperienza riservata ai ragazzi tra i 18 e i 28 anni che vogliono mettersi alla prova lavorando in enti locali – sia pubblici che privati – con un anno di servizio retribuito.

Sono 721 in tutta Italia i programmi sviluppati per quest’anno, per una richiesta di oltre 80 mila volontari. Di questi sono 10 i programmi sviluppati da Mosaico, l’associazione di riferimento per il Servizio civile nel nord Italia e anche a Bergamo. Proprio a Bergamo (provincia compresa) saranno attivi 3 programmi, suddivisi in 35 progetti, che coinvolgeranno 345 ragazzi da qui al maggio del prossimo anno (230 quelli invece già partiti questo maggio).

Due in particolare i programmi innovativi, cosiddetti “sperimentali”: quelli del Servizio civile digitale e ambientale. Ma la novità più importante è un’altra, come spiega il presidente Claudio Di Blasi: “L’elaborazione dei programmi è complessa ma ogni anno proviamo a dare dei valori aggiunti. Il più grande quest’anno è il tutoraggio per i ragazzi che faranno l’esperienza, perché ci saranno dei tutor che li aiuteranno a valorizzare le competenze acquisite durante il percorso di servizio, anche nei confronti delle aziende. E queste competenze poi verranno anche certificate”.

Il meccanismo di certificazione accerterà finalmente il bagaglio professionale dei ragazzi, e sarà gestito da un apposito ente regionale aiutando quindi i giovani a costruire un curriculum sempre più specializzato e competitivo. Un obiettivo, quello della certificazione delle competenze, richiesto dall’Unione Europea: “La certificazione delle competenze ci è stata chiesta dall’Europa, anche perché nel prossimo triennio il 50% dei fondi che avremo a disposizione verranno dal Pnrr e quindi da fondi europei. L’Ue ci dà finanziamenti per migliorare l’occupabilità dei ragazzi ma in cambio ci chiede di far vedere che hanno in mano qualcosa che nel concreto li aiuti a trovare un lavoro. E così abbiamo individuato questo qualcosa nella certificazione delle competenze”.

Ma come avviene nello specifico questo accertamento? “La misurazione che noi facciamo viene trasmessa al Centro per l’impiego che consultandola propone alle aziende il curriculum più appropriato in base alle caratteristiche di cui sono alla ricerca”.

Le abilità dei ragazzi che verranno misurate non saranno però soltanto quelle tecniche, cosiddette formali, ma anche quelle informali, ovvero le abilità relazionali o soft skills.
Inserire il meccanismo di certificazione all’interno del Servizio Civile in realtà non è stato semplice. “È stato un bagno di sangue – spiega Di Blasi -. Quando questo argomento è stato portato all’ordine del giorno nella Consulta nazionale del Servizio civile, a favore del meccanismo di certificazione ci siamo espressi soltanto noi, Anci Lombardia e Confcooperative.

Tutti gli altri enti del Terzo settore come Caritas, Arci, Anpas e l’Unione nazionale delle Pro Loco hanno dato parere contrario”. Sono tante le ragioni, ma per il presidente ce n’è anche una ‘oggettiva’: “Noi siamo un ente regionale e la formazione, secondo la Costituzione, è delegata alle regioni. Il problema è che ci sono regioni che per la certificazione delle competenze sono molto indietro e hanno un sistema di formazione molto debole”.

Il Servizio civile può contare su ingenti fondi del Pnrr (650 milioni in tre anni), ma in cambio i programmi devono dimostrare di rispettarne le missioni. Proprio per rispondere alle missioni 1 (Digitalizzazione) e 2 (Transizione ecologica) sono stati studiati il programma di Scu digitale e quello ambientale.

Per quanto riguarda il primo, al quale è stato dedicato un finanziamento ad hoc di 60 milioni in tre anni, i ragazzi opereranno come facilitatori digitali in sportelli appositi negli enti locali dove accompagneranno i cittadini ad approcciarsi alla tecnologia, ad esempio insegnando a creare lo Spid o facendo una vera e propria formazione digitale. Ma l’ambizione, per Di Blasi, è più grande: “Il nostro sogno sarebbe far diventare questo programma sperimentale una start up che fornisca servizi in maniera regolare agli enti. Ma dobbiamo sentire cosa ne pensano i ragazzi. Noi gli diamo l’appoggio, ma la start up non la facciamo noi”.

Sono una ventina le posizioni di Scu digitale sbloccate in Lombardia e altre 15 partiranno a luglio, di cui la metà a Bergamo.

Molto particolare è anche il secondo bando sperimentale, quello del Scu ambientale. Su questo programma il presidente di Mosaico precisa: “Non bisogna intenderlo come la pulizia dei sentieri o dei parchi ma è legato al concetto di riconversione ecologica, all’abbassamento dei consumi energetici e alle fonti rinnovabili. Anche qui abbiamo presentato progetti per un totale di 15 posti di cui 7 a Bergamo”.

La partecipazione al programma ambientale è stata però sotto le attese. “C’erano fondi per 1300 posizioni ma sono stati presentati in totale progetti per 500 posti. Qui misuriamo la discrasia tra quello che ci chiede l’Europa e quello che effettivamente riusciamo a mettere in campo”.

Mosaico continua a lavorare per il futuro. Il prossimo step è un altro programma sperimentale: “Ci hanno preannunciato un parere favorevole sul Servizio civile sportivo ma stiamo aspettando indicazioni sul bando. Si tratterà anche qui di 20-30 posizioni al massimo”.

Lo scopo è quello di favorire tra le nuove generazioni un approccio allo sport basato sui valori olimpici. Sui tempi Di Blasi è fiducioso: “Partiremo sicuramente nel 2023”.

 

BERGAMO SALUTE / Giovani e Covid, Università Cattolica di Milano e Associazione Mosaico, l'intervista alla responsabile dello studio Michela Zambelli

Su Bergamo Salute di maggio-giugno 2022, l'intervista a Michela Zambelli, responsabile dello studio "Giovani e Covid, alla ricerca di un significato" condotto dall'Università Cattolica di Milano con la partecipazione di Associazione Mosaico. Lo studio è stato presentato lo scorso mese di marzo nel corso di un convegno presso la sede di Largo Gemelli.

Bergamo Salute

Bergamo Salute: GIOVANI&COVID… due anni dopo. Presentazione dei risultati della ricerca scientifica

Rassegna stampa

 

Link all'articolo di Bergamo salute

 

Venerdì 18 marzo 2022 presso la sede di Largo Gemelli dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano alle ore 14.00 si terrà un convegno per presentare i risultati della ricerca scientifica “Giovani&Covid: alla ricerca di un significato

I responsabili scientifici, la Professoressa Semira Tagliabue e la Dottoranda di ricerca Michela Zambelli, hanno condotto uno studio sul processo di attribuzione di significato alla vita (meaning-making process) in un momento drammatico come la pandemia di COVID-19 per un campione di 654 giovani adulti tra i 18 ed i 37 anni. I partecipanti sono stati reclutati dalle province Lombarde, per il 57,9% dalle zone più colpite nei primi giorni della pandemia (province zona rossa: Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi) e il restante per le zone meno colpite.

Tra gli enti che hanno aiutato nella diffusione e somministrazione dei questionari c’è anche Associazione Mosaico che ha invitato a partecipare i suoi giovani operatori volontari di Servizio Civile e di Leva Civica. Il presidente di Associazione Mosaico Claudio di Blasi ed il responsabile del servizio di tutoraggio Michele Dal Lago interverranno durante le tavole rotonde insieme agli esperti ricercatori e agli altri rappresentanti di alcuni enti del territorio che lavorano per e con i giovani per commentare i risultati e aprire una discussione rispetto alle sfide e opportunità nel post pandemia e nel prossimo futuro.

Alcuni risultati preliminari della ricerca sono già consultabili sul sito dedicato dal quale è anche possibile iscriversi per partecipare gratuitamente al convegno www.giovaniecovid.com

 

Info Point di Bergamo

Via Palma il Vecchio 18/c
24128 Bergamo BG

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 035 254 140
Fax 035 432 92 24

orari
Lunedì–venerdì
9:00–13:00
14:00–18:00

Sede di Bergamo

Via E. Scuri, 1/c
24128 Bergamo BG

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 035 254 140
Fax 035 432 92 24

orari
Lunedì–venerdì
9:30–12:30
14:30–17:30

Sede di Monza

Via Cortelonga 12
20900 Monza MB

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. 039 9650 026

orari
Lunedì–venerdì
9:30 –12:30
14:30–17:30